mercoledì 18 giugno 2014

Acqua è vita nelle resine di Anna Gatto a SanremoArtGallery

Silva Bos e Anna Gatto
SANREMO (IM).  Usando la resina, il quadro diventa un’opera che si può, si deve toccare. La partecipazione dello spettatore diventa  reale. E l’emozione di fa diversa, tangibile, tanto che a volte porta al turbamento.
Com’è nel su stile, anche ‘Emozione’ che Anna Gatto espone alla Rassegna Internazionale SanremoArtGallery -  in svolgimento fino al 25 Giugno al Teatro Ariston - è un’opera ‘fisica’: si tratta di colore su carta che viene poi resinata, indurita e attaccata in modo che sembri ‘instabile’ su un foglio di legno rivestito di altra resina.

La resina è per lei materiale ricorrente:  “rappresenta acqua, il ‘mio’ elemento naturale; - spiega alla giornalista Silva Bos con la quale si è intrattenuta per una breve intervista - secondo me il fondamentale poiché governa gli altri: noi nasciamo nell’acqua, l’acqua governa il fuoco, l’acqua è nell’aria e l’acqua nutre la terra…è la vita”
Oltre a ciò che oggi si può ammirare di lei nella collettiva SanremoArtGallery, Anna Gatto è impegnata nella realizzazione di un altro lavoro inusuale: una semplice tela ricavata da federe vecchie e ormai stracciate,  arricchite da una pittura astratta - dal blu siamo passato da rosso e giallo - rivestite anche qui da resina. “Uno straccio appeso, senza cornice, senza limiti…ma è essenza, sono IO”.  
All’inizio i suoi scritti e i suoi disegni li ha sempre buttati nel cestino per vergogna, accantonando nel tempo questa passione per dare priorità alla famiglia. “Dopo la scomparsa di marito, sono alla ricerca del mio Sé perduto. - continua - Rimasta sola mi accorsi di non avere nulla:  non un titolo di studio, non il cognome… allora decisi che era arrivato il momento di riscoprirmi, di ritrovare la mia identità”. E’ stato il vuoto della vedovanza a farle prendere da decisione di diventare davvero un’Artista, riprendendo in mano tutto quello che aveva soffocato in oltre 25 anni. Ed è stata un’accelerata artistica incredibile, tra sperimentazioni e modifiche continue.

Già partecipe alla collettiva ArteINsanremo firmata nel febbraio scorso sempre da SanremoArte2000, in questi giorni Anna Gatto è scesa nuovamente da Novi Ligure, in provincia di Alessandria (Basso Piemonte) nel desiderio di essere a SanremoArtGallery come momento di conoscenza e confronto con gli altri artisti. Ma lei guarda già molto avanti…la sua più grande ambizione? “Andare alla Biennale di Venezia, possibilmente gratis perché se non pago significa che qualcuno ha riconosciuto il mio talento”.  

Clicca QUI