lunedì 16 giugno 2014

Poetessa e pittrice. Da Alda Merini a SanremoArtGallery: la poliedricità di Marinella Albora

Silva Bos e Marinella Albora
SANREMO (IM). Dopo essersi distinta anche in un progetto letterario dedicato ad Alda Merini, Marinella Albora si propone nella città dei fiori in duplice veste di pittrice, con la sua tela ‘Sea sand’ (Sabbia di mare), e come poetessa, con ‘La Luna nel pozzo’, nell’ambito della Rassegna Internazionale SanremoArtGallery al cui interno si svolge anche il Premio Poeti in Sanremo-Omaggio ad Angelo Barile.

Forme artistiche poliedriche che da sempre animano le sue doti, prima col disegno - sin da bambina trascorreva ore con i pastelli colorati - e, proseguendo sempre come autodidatta poiché nella vita professionale era Cancelliere in Tribunale e in Procura, fino alla svolta con la frequentazione di una Scuola d’Arte per tre anni per acquisire quelle conoscenza tecnica che fino a quel momento sentiva mancarle. Acquerelli, acrilico e smalto hanno lasciato il posto all’olio su tela in cui maggiormente riesce a esprimersi nell’immediatezza della sua arte prevalentemente figurativa al femminile, ma a volte anche in soggetti informali o di fantasia: tonalità verdi e azzurre che richiamano il ricorrente tema dell’acqua.
Alla giornalista Silva Bos che l’ha intervistata in questa prestigiosa manifestazione, confessa poi che la sua nascita come poetessa ha coinciso, invece, con particolari momenti di crisi del proprio vissuto personale. Molti i suoi scritti su temi forti come il disagio sociale e la violenza sulle donne; riflessioni con cui si è fatta notare anche da Barbara Carniti, figlia di Alda Merini a cui l’evento letterario targato Matteo Cotugno era stato dedicato. Un progetto che si è sviluppato in un e-book che vanta migliaia di letture.
Ultimamente ha realizzato una personale, focalizzata sul tema della donna, in cui a ognuna delle sue 37 opere su tela era abbinata una sua poesia; un lavoro notevole su se stessa che ha riscosso apprezzabile riscontro.

La Rassegna Internazionale SanremoArtGallery - visitabile gratuitamente fino al 25 Giugno presso le sale espositive del Teatro Ariston - non rappresenta certo per lei un do ut des: la soddisfazione di esserci attraverso le sue opere che sanno raccontarla è ciò che più conta.

Clicca QUI