domenica 14 ottobre 2012

Fresco relax tra produzioni locali ed echi del passato

Agriturismo Coppi Rossi
IMPERIA. Verde, tranquillità ed echi del passato si intrecciano magicamente per fare dell’Agriturismo Coppi Rossi di Imperia uno spicchio di paradiso non solo per automobilisti e amanti dei motori: a non più di un paio di chilometri dal mare - sulla sponda del torrente Prino, a un tiro di schioppo dall’incantevole Torrazza e al Parco Nazionale delle Alpi Liguri – è infatti inevitabile farsi incantare da quel mulino che, insieme all’acqua del torrente imprigionata nella chiusa del ponte di San Martino, ha saputo girare anche pagine di storia locale.

Freschi uliveti, piantagioni di ortaggi e succulenti frutteti oggi si accostano con garbo e preziosa bellezza alle originarie produzioni floricole autoctone, grazie alla passione e alla lungimiranza della Signora Malina e del marito Michele che, con la loro figlia Marta e la cagnolina Gigia, attraverso sacrifici e ingegno hanno fatto loro il sapiente recupero di quella che fu’ una settecentesca villa estiva costruita sul frantoio dalla Famiglia Ferrari.
“Soffitti a volta, grandi e luminose finestre sul paesaggio così come la Cappella gentilizia, - spiega Malina - fecero di questo edificio un’autentica dimora di gran prestigio che nell’Ottocento Padre Angelico Braccio, Provinciale dei Trinitari, fuggito da Napoli, decise di acquistare per adibirla a convento, con tanto di campana che lui stesso volle e che ancor ora, per chi sa ascoltare, con qui rintocchi racconta ancora qui tempi”.
Un nodale passaggio di testimone fece poi si che agli albori del Novecento il facoltoso industriale Lorenzo Amoretti  divenisse il nuovo proprietario, rinnovando - di fatto - la struttura, per realizzarne un moderno e funzionale frantoio a cinque pile, il “Molino Rosso” e abbellendo l’esterno con splendidi decori, non potendo immaginare che la seconda guerra mondiale e la successiva crisi dell’olivicultura avrebbero reso inoperoso e addormentato questo suggestivo luogo. “E’ così fu fino a quando, dopo quasi cinquant’anni – chiosano i titolari dell’Agriturismo Coppi Rossi – un certosino lavoro di restauro conservativo, iniziato nel 2008 sotto la direzione dell’Architetto Erminia Airenti seguendo i dettami della Soprintendenza genovese, ha portato a nuova vita gli intonaci affrescati, gli infissi e parte della pavimentazione realizzando confortevoli abitazioni”.
Oggi l’Agriturismo Coppi Rossi è un’offerta agrituristica che sa disintossicare e riossigenare corpo e spirito dagli ormai frenetici ritmi quotidiani, aprendo le sue rilassanti braccia per regalare una permanenza da vivere e consigliare senza indugio.
Arrivare all’Agriturismo Coppi Rossi è semplice e lì, a darvi il benvenuto sarà il calore di un accogliente sorriso.  

Clicca QUI